ORDINAMENTO DEGLI STUDI

L’Istituto di Ricerca della non Credenza e delle Culture (ISA) è accademicamente eretto all’interno della Facoltà di Filosofia (Statuti, art. 142) e “si propone come finalità propria di entrare in dialogo con le diverse tradizioni culturali, filosofiche e religiose del mondo contemporaneo, allo scopo di promuovere, nell’orizzonte della tradizione cristiana, studi e ricerche concernenti le ragioni storiche, fenomenologiche e filosofiche della non credenza” (Statuti, art. 143, § 2).

Ambito della ricerca dell’Istituto è la comprensione storico-antropologica dell’uomo, attraverso fenomeni che caratterizzano la modernità: l’ateismo, la secolarizzazione, il nichilismo, l’ateismo evoluzionistico, il laicismo ecc., con particolare attenzione ai fenomeni della credenza e della non-credenza nelle varie culture.

L’Istituto promuove e favorisce la ricerca e il dibattito scientifico, coordinando le proprie attività con quelle della Facoltà di Filosofia, e stabilendo rapporti con altre istituzioni di ricerca, quali: “Accademia Urbana delle Arti”; “AIFR - Associazione italiana di Filosofia della religione” “Nuovo SEFIR - Scienza e Fede sull’interpretazione del reale”; “Progetto Culturale Cornelio Fabro”; “SITA - Società Internazionale Tommaso d’Aquino”; "cUNdp - Centre Universitaire Notre-Dame de la Paix, membre de l'Institut de recherche en Philosophie de l'Université de Namur”; “Institutum Sancti Thomae in Balmesiana - Barcelona”.

Nel quadro del programma di ricerca, l’Istituto organizza incontri, giornate di studio, scambi culturali, invitando docenti di altre università e centri di ricerca a tenere conferenze e lezioni pubbliche ed offre ogni anno un corso per il Secondo Ciclo della Facoltà di Filosofia.

Sigla Descrizione Docente  
FL2035 La non-credenza e l’ateismo: lettura ed analisi di testi filosofici. Lorella CONGIUNTI (ECTS 4 - sem. I)

 

FL2035 La non-credenza e l’ateismo: lettura ed analisi di testi filosofici.

Prerequisiti: Lineamenti di filosofia della conoscenza e di filosofia dell’essere.

Obiettivi didattici: Attraverso la lettura critica di una selezione di testi filosofici, si intendono chiarire le principali declinazioni dell’ateismo, in vari contesti storici e teorici.

Contenuti delle lezioni: Incontri pomeridiani bimensili di 3 ore ciascuno. Ogni incontro sarà tenuto da un docente della Facoltà di Filosofia che presenterà un testo, offrendone lettura critica.

Modalità di svolgimento: Lettura di testi. Dibattito.

Modalità di verifica: elaborati scritti brevi parziali ed elaborato scritto finale.

Bibliografia: Testo di riferimento: L. CONGIUNTI, Ateismo ateo. La negazione di Dio dopo-oltre l’ateismo, Ladolfi, Borgo Manero No 2015. Una selezione precisa di testi sarà fornita all’inizio del corso.