TERZO CICLO DI DOTTORATO

Norme

Scopo del terzo ciclo è quello di avviare gli studenti all'acquisizione della piena maturità scientifica, che li renda atti alla ricerca in campo teologico e li abiliti all'insegnamento della Teologia.

La durata del ciclo è di almeno due anni dedicati prevalentemente alla preparazione e alla stesura di un lavoro scritto, che rappresenti un reale contributo al progresso nella ricerca scientifica in campo teologico, e nel fare, sotto la guida del moderatore, qualche esperienza di insegnamento.

Oltre ai corsi e ai seminari, lo studente è tenuto ad un dialogo stretto e personale col moderatore ed i relatori della tesi di laurea.

Ammissione

Le condizioni generali per l'ammissione sono le seguenti:

a)   per coloro che sono in possesso del titolo di Licenza, conseguito in una Facoltà Teologica, l'aver riportato la qualifica magna cum laude;

b)   la conoscenza delle lingue classiche e di tre lingue moderne oltre quella madre.

È compito del Decano della Facoltà esaminare i casi che non rientrino in queste norme generali.

Programmazione

Al momento dell'iscrizione al terzo ciclo lo studente deve avere almeno un'idea generale della tesi dottorale, che vorrà preparare. Dopo aver elaborato lo status quaestionis della tesi sotto la guida del moderatore, lo studente è tenuto a presentarne lo schema in segreteria, entro i termini stabiliti dal calendario accademico, per l'approvazione da parte del Consiglio di Facoltà e la conferma o designazione dei relatori. Il tema di Tesi approvato dal Consiglio di Facoltà rimane valido per 7 anni, al termine del quale lo studente dovrà ripresentare un nuovo schema.

D'accordo con il moderatore e gli eventuali relatori e col consenso del Decano, lo studente è tenuto a compilare e seguire in questo biennio un piano di studio che preveda il conseguimento di almeno 9 crediti (3 tra corsi e seminari) da scegliersi come indicato nel biennio di Licenza.

Coloro che scelgono l'area biblica, oltre ai corsi stabiliti dal piano di studio, devono obbligatoriamente inserire due corsi di "lettura corsiva dei testi biblici" a integrazione di esso. Il corso di Metodologia biblica (TPB 2001), se richiesto nel percorso personale dello studente, non rientra nel computo dei crediti richiesti per il conseguimento del grado accademico.

Il totale minimo dei 108 crediti da maturare per conseguire il titolo di dottorato è così suddiviso:

9 cr. per i corsi e i seminari;

70 cr. per l'elaborato scritto;

29 cr. per la difesa pubblica della tesi.

Dissertazione e grado accademico

La condizione previa alla discussione della tesi è di avere positivamente sostenuto gli esami dei corsi contenuti nel piano di studi presentato e aver ottenuto su modulo fornito dalla Segreteria il nulla osta del moderatore e dei due relatori sul testo scritto.

La tesi dottorale, di almeno 150 pagine dattiloscritte che abbia carattere di una vera ricerca positiva al contributo scientifico, deve essere pubblicamente discussa davanti al moderatore e ai correlatori, i quali possono porre tutti i relativi quesiti, atti a comprovare la piena maturità del candidato.

Il diploma di dottorato in Teologia Biblica, o Teologia Dogmatica, o Teologia Morale viene rilasciato dopo che lo studente, avendone ottenuta facoltà dal moderatore e dai relatori, avrà pubblicato per intero o in parte il testo della tesi e ne avrà consegnato le relative copie alla Segreteria.

Il voto globale del grado di Dottorato è calcolato come segue:

25% media dei voti dei corsi ad lauream;

50% valutazioni tesi scritta;

25% valutazione difesa orale della tesi.

Norme Comuni a tutti i Cicli di Dottorato

La durata del ciclo di Dottorato di ogni Facoltà è delineata negli Statuti. Lo studente che ne abbia motivata esigenza, può prolungare tale periodo fino a un massimo di anni sette (inclusi gli anni di durata istituzionale). Al termine del settimo anno, qualora lo studente non abbia ancora concluso la redazione della tesi di Dottorato, deve inoltrare richiesta di proroga al Consiglio di Facoltà, che determinerà le modalità di aggiornamento del progetto di ricerca e/o l’obbligo di integrazioni del percorso accademico. La durata massima consentita del ciclo di Dottorato è di complessivi anni dieci, non ulteriormente prorogabili.