Regole della consultazione del materiale librario presso la Biblioteca della Pontificia Università Urbaniana


Diritto d’autore:
 Il diritto d’autore è l’insieme dei diritti patrimoniali e morali previsti e riconosciuti all’autore dalla normativa vigente in materia dell’ingegno. Il diritto d’autore è tutelato dalla Legge n. 633 del 1941 e successive modifiche. Si può fotocopiare in biblioteca:
 Le opere pubblicate (libri e riviste cartacee) presenti in biblioteca, nei limiti del 15% di ciascun volume o fascicolo di periodico, escluse le pagine di pubblicità, solamente per uso personale.
Non si può fotocopiare:

Il materiale inedito, cioè non pubblicato, non può essere riprodotto in alcun modo. (p. es. le tesi di laurea e le tesi di dottorato) senza l’autorizzazione scritta dell’autore. Il materiale antico o di pregio non può essere riprodotto per ragioni di conservazione dell’opera. Si può fotografare il materiale presente in biblioteca:
È possibile fotografare per uso personale il materiale presente in biblioteca (nei limiti del 15%), con mezzi di riproduzione non idonei a spaccio o diffusione dell’opera in pubblico (p. es. non con fotocamera digitale, ma solo analogica).
È concesso l’uso dello scanner o della fotocamera digitale:

La scansione/digitalizzazione è diversa dalla fotocopiatura. È possibile digitalizzare un’opera a stampa solo dopo 70 anni dalla morte dell’autore, oppure se vi è un’autorizzazione scritta da parte dell’autore o dell’editore/eredi (ovvero del titolare dei diritti economici). Per i giornali e le riviste i diritti scadono dopo 70 anni a partire dalla fine di ogni anno di pubblicazione dei singoli fascicoli o numeri.
È vietato il plagio:

Il plagio consiste nell’appropriazione di un’opera altrui, o di una sua parte e/o di una sua elaborazione, mediante copiatura, spacciandola per propria e quindi senza che all’autore vengano riconosciuti i diritti che gli spettano per legge.
È vietata la contraffazione:
La contraffazione è lo sfruttamento economico dell’opera che avviene senza il consenso dell’autore (p. es. la pirateria discografica o cinematografica, riproduzione dell’opera o sue parti a fini economici).
Uso d’una parte di un’opera senza citarne la fonte:
Come prescrive l’art. 70 comma 1 e 3 della Legge sul diritto d’autore: “Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l’utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali.” “Il riassunto, la citazione o la riproduzione debbono essere sempre accompagnati dalla menzione del titolo dell’opera, dei nomi dell’autore, dell’editore e, se si tratti di traduzione, del traduttore, qualora tali indicazioni figurino sull’opera riprodotta”. Questa norma riguarda anche il materiale reperito via web.
Consultazione del materiale inedito:
Sulla base dell'art. 9 del D. Lgs. 9 aprile 2003 n. 68, con la sesta direttiva europea e modifiche successive, la tesi di laurea inedita non può essere consultata né utilizzata da eventuali interessati senza il consenso del laureato, titolare dei relativi diritti di autore morali e patrimoniali. La Biblioteca può concedere la consultazione in caso di tutto eccezionale (impossibilità di prendere contatto con l’autore a causa del suo decesso) con divieto assoluto di qualsiasi tipo di riproduzione o copiatura. Nel caso della consultazione delle tesi di laurea e di altri studi inediti, deve rimanere documentato il nome, la firma leggibile e l’indirizzo del richiedente, nonché la data della consultazione e titolo dell’opera richiesta.

Per stampare il modulo click sul pulsante Stampa:


Il sottoscritto………………………………………………………………………………………

Nato il…………………………… a …………………………………………………………….

Indirizzo……………………………………………………………………………………………

Documento d’identità ……………………………………………………………………………..

Richiede la consultazione dell’opera inedita di:

Autore………………………………………………………………………………………………..

Titolo…………………………………………………………………………………………………

conservata presso la Biblioteca della Pontificia Università Urbaniana e conferma di accettare e rispettare le regole della tutela dei diritti d’autore in vigore nella Biblioteca.

Città del Vaticano, il …………………….

Firma leggibile:…………………………………………………………………………..