Fondi Speciali


Col tempo, la Biblioteca del Collegio Urbano si arricchì di un’importantissima collezione privata del Segretario e Prefetto della Congregazione de Propaganda Fide, il cardinale Stefano Borgia (1731-1804). Figura di grande mecenate, Egli sapeva raccogliere oggetti antichi, opere d’arte, libri stampati e manoscritti da ogni parte del mondo, servendosene per studiare ed approfondire la cultura, la religione, la storia, gli usi e i costumi dei vari popoli. Fu paragonato ai grandi dell’epoca del Rinascimento per la sua competenza in quasi tutti i campi del sapere. La storia e l’archeologia erano tra le sue discipline preferite.

Borgia curò in particolare l’Archivio e la Biblioteca della Congregazione arricchendola con le sue donazioni e aprendola agli alunni del Collegio Urbano, che studiavano a Roma. Promosse la pubblicazione di catechismi nelle varie lingue ad uso delle missioni come pure di altri libri che potevano essere utili per l’attività evangelizzatrice. Dopo la sua morte la collezione è stata conservata nel Palazzo di Propaganda (Piazza di Spagna). Attualmente una parte (manoscritti) si trova nella Biblioteca Apostolica Vaticana (Fondo Borgia), l’altra (libri stampati) nella biblioteca della Pontificia Università Urbaniana. La collezione attuale contiene circa 3000 volumi stampati dal 500 al 700 e include grandi collane di Patrologia, Sacra Scrittura, Storia Universale, Storia della Chiesa, Diritto, Diritto Canonico (sia testi che commentari).


Una piccola parte dei libri proviene dalle collezioni del cardinale Lorenzo Caleppi (1741-1817), nunzio a Lisbona, e del cardinale Giuseppe Garampi (1725-1792), archivista-storiografo, autore del più vasto indice per la consultazione dell’Archivio Segreto Vaticano. La maggior parte dei libri ha una legatura in pelle o in pergamena. L’alto valore storico di questa collezione, la raffinata ricerca dei libri, la rarità delle edizioni del XV-XVIII secolo costituiscono un importantissimo patrimonio librario da rendere fruibile per le ricerche degli studiosi provenienti da ogni parte del mondo.


Gli altri fondi speciali presenti nella Biblioteca sono quelli provenienti dalle collezioni di libri donate da personaggi illustri:

- Fondo cardinale Marella (missioni, cultura e storia dell’estremo Oriente);

- Fondo cardinale Jullien (diritto ecclesiastico);

- Fondo prof. Grottanelli (antropologia, etnologia);

- Fondo Mons. Garofalo (Sacra Scrittura);

- Fondo Padre Humbertclaude (storia e cultura del Giappone in lingua giapponese)